Comune di Ferrara

Istituto Comprensivo Alda Costa

Istituto

via Previati, 31 - 44121 - Ferrara
0532 205756
feic810004@istruzione.it

Scuola

Scuola in Ospedale

Il primo anno di Scuola in Ospedale

La Scuola in Ospedale e noès2


Integrazione e Scuola in Ospedale

Noès è un progetto afferente ai Fondi Europei per l'Integrazione – approvato nel 2011 dal Ministero dell'Interno come primo classificato nella graduatoria nazionale (Azione 4) – con cui la città di Ferrara ed il suo territorio provinciale realizzano una serie di interventi di sistema, a sostegno dell'integrazione sociale tra i cittadini (italiani e migranti), attraverso azioni coordinate delle Istituzioni, del Terzo Settore, della società civile.
Tra le molte attività e sottoprogetti realizzati, ce ne sono anche riguardanti, in particolare, l’animazione sociale, l’educazione linguistica, civica, musicale e ambientale.

Al momento dell’avvenuta biennalizzazione del Progetto (diventato appunto noès2), due dei partner per la sua realizzazione, l’ Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara – Arcispedale S. Anna, e la Cooperativa Sociale Camelot, hanno cercato la collaborazione della Scuola In Ospedale, per declinare il Progetto a favore degli ospiti dei reparti pediatrici del nuovo ospedale di Cona.

Prosegui la lettura scaricando SiO e noès2: appunti e immagini, a cura di Annamaria Valenti docente della SIO.



I Segna-Amicizia e le Scatoline dei Sogni

Una attività per avviare la riflessione attorno ad un progetto di Educazione affettiva

Con la ripresa della Scuola in Ospedale, nell’anno scolastico 2012-13, si è proposto ai docenti e alle classi dell’ I.C. “Alda Costa”, di partecipare alla attività di produzione e raccolta di materiali di ogni genere (elaborati scritti, disegni, poesie, brani di antologia, riflessioni, piccoli oggetti frutto di attività manuali …), contraddistinti da una particolare valenza affettiva ed emotiva.

A un anno dalla ripresa dell'attività della Scuola in Ospedale nella nuova struttura di Cona, scarica e leggi tutto il contributo di Annamaria Valenti, docente della SIO.
 
Pagina aggiornata il 07-08-2015