Comune di Ferrara

Istituto Comprensivo Giorgio Perlasca

Istituto

via Poletti, 65 - 44122 - Ferrara
0532 761984
feic81200q@pec.istruzione.it

Scuola

Secondaria di I Grado T. Bonati

Giornata della Memoria

Come tutti gli anni il nostro Istituto organizza attività legate alla Giornata della Memoria.
In particolare, in questo anno scolastico sono stati programmati due eventi che hanno previsto la presenza di testimoni e sopravvissuti alla Shoah.
In particolare lunedì 25 gennaio è intervenuto il sig. Luigi Rovighi, violinista, salvato durante la Seconda Guerra Mondiale dallo sterminio nei campi di concentramento grazie al coraggio e all'amore disinteressato di due coniugi Pietro ed Elisabetta Gardin (bisnonni di un nostro alunno). Questi ultimi sono stati insigniti della medaglia di "Giusti tra le nazioni" ed un albero è piantato presso il Giardino dei Giusti a Gerusalemme.
E' stato commovente il racconto del sig. Rovighi, che ha descritto ai ragazzi quei momenti nei quali, bambino, ha dovuto affrontare un viaggio nascosto tra le valige per sfuggire ai posti di blocco dei soldati fascisti e i mesi nei quali è rimasto recluso in casa e come, per sfuggire ai controlli delle guardie trovasse un sicuro rifugio dietro al pianoforte della famiglia Gardin. Ma ancora più emozionante è stata la totale riconoscenza nei confronti dei suoi salvatori ed il suo grande desiderio di mantenerne viva la memoria.
Una lezione, non solo di storia e di convivenza civile per i nostri alunni.
Mercoledì 27 gennaio sarà il turno di un'altra sopravvissuta: Lilli Pesaro, che insieme a Sara Magnoli ha scritto un libro: "IL sogno di Lilli". I nostri alunni, in particolare quelli delle classi 3 E e 3 Y lo hanno letto durante le vacanze ed insieme ai loro insegnanti D'Avino Cristina, Faggioli Laura, Frascari Fiorella, Mantovani Angelo, Rolfini Antonio hanno realizzato uno spettacolo con canzoni, musiche e letture del testo.
Lilli anche lei bambina all'epoca della Shoah vive diversi mesi di isolamento, nascosta in casa. Purtroppo il padre morirà ad Aushwisch pochi giorni prima dell'apertura dei cancelli. Lei e la mamma si salveranno.
Riteniamo che questi incontri servano ai ragazzi per tener viva la memoria di tali accadimenti, ma anche che, mettendosi in gioco in prima persona possano ancor meglio comprendere gli stati d'animo di queste persone e non da ultimo che l'attenzione per "l'altro" sia un fondamentale elemento nella cresita personale e civile di ciascuno di noi.
Copertina del libro "Il sogno di Lilli
una pagina illustrata del libro "Il sogno di Lilli"
I coniugi Pietro ed Elisabetta Gardin "giusti tra le Nazioni"
Pagina aggiornata il 19-09-2016