Comune di Ferrara

Istituto Comprensivo Don L. Milani

Istituto

via Pacinotti, 48 - 44123 - Ferrara
0532 62214
feic807008@istruzione.it

Scuola

Primaria Quartesana

Regolamento di plesso

Scuola Primaria di Quartesana

REGOLAMENTO SCOLASTICO INTERNO

Modalità ingresso e uscita
L’entrata a scuola avviene tra le 8.25 e le 8.30. Si raccomanda la puntualità. Gli alunni sono accolti dalle insegnanti in cortile e accompagnati nelle rispettive classi. Gli alunni di classe prima entrano in aula accompagnati dai genitori, se lo desiderano, durante la prima settimana.
Nel caso di visite mediche o appuntamenti non prorogabili, che prevedono l’entrata posticipata o l’uscita anticipata, occorre che i genitori comunichino agli insegnanti l’eventuale modifica d’orario con un breve avviso scritto sul diario o sul quaderno (l’alunno dovrà essere accompagnato o ritirato dal genitore o da persona maggiorenne delegata, si dovrà inoltre compilare l’apposito modulo depositato presso il personale ausiliario).
Gli insegnanti assistono gli alunni all’uscita e curano che ciascuno raggiunga il proprio genitore o accompagnatore maggiorenne delegato per iscritto sull’apposito modulo che verrà consegnato alle famiglie. E’ opportuno precisare che, dopo tale orario, il personale docente cessa la propria attività di servizio, pertanto si raccomanda la massima puntualità ai signori genitori sia all’entrata sia all’uscita da scuola. Si ricorda inoltre che gli alunni non possono continuare a giocare nel cortile della scuola dopo il termine delle lezioni, ed è fatto loro divieto di accedere alle aule per motivi di sicurezza e di responsabilità(come da regolamento d’Istituto).
Il ritorno a casa in scuolabus richiede un’organizzazione interna particolare, pertanto si richiede che gli alunni che si avvalgono di tale servizio, nei giorni in cui i genitori desiderino venirli a ritirare direttamente all’uscita, si presentino al portone d’ingresso e, soprattutto, ne diano comunicazione scritta sul quaderno o sul diario dell’alunno la mattina stessa.

Mensa
I pasti vengono preparati da una ditta esterna e distribuiti nella scuola tramite personale della ditta stessa. Il menù è studiato da dietologi nutrizionisti che curano l’alimentazione ed è controllato periodicamente da personale sanitario dell’ASL. Il menù mensile è esposto in bacheca all’esterno della scuola inoltre è possibile consultare il sito del Comune di Ferrara alla voce refezione scolastica (possiamo fornire l’indirizzo esatto). Il pasto consiste in un primo, un secondo, un contorno, frutta o dolce. E’ possibile in caso di indisposizione dell’ alunno e previa comunicazione scritta della famiglia variare il menù del giorno, con un primo in bianco ed un secondo che consiste in una alternativa e un contorno. In caso di allergie, intolleranze alimentari o diete particolari occorre presentare certificato medico alla scuola che provvederà a mandarlo alla ditta di ristorazione e all’ ufficio refezione del Comune, ciò per permettere di fornire un menù adeguato alle esigenze dell’alunno.

Rapporti scuola/famiglia
Si ricorda che durante l’orario di lezione non è possibile entrare in classe e parlare con gli insegnanti; si dovrebbero evitare anche le telefonate (salvo urgenze). I genitori sono invitati a partecipare alle riunioni e ai colloqui periodici fissati per informare le famiglie sull’andamento scolastico dei propri figli. Per i genitori che desiderano colloquiare con calma con i docenti, questi sono disponibili, previo appuntamento concordato con gli stessi tramite l’apposito diario-quaderno. I colloqui individuali saranno due: uno a Novembre/Dicembre, uno ad Aprile; al termine di ciascun quadrimestre i genitori sono invitati a prendere visione ed a firmare il documento di valutazione periodica degli alunni. Le date e gli orari saranno comunicati per iscritto agli alunni e ai rappresentanti dei genitori in occasione delle interclassi. Dato che i collaboratori scolastici non sono tenuti a sorvegliare gli alunni durante le riunioni, al fine di evitare disagi (come da regolamento d’Istituto), non si possono portare bambini all’interno dell’edificio scolastico e all’interno del cortile della scuola in queste occasioni soprattutto per motivi di sicurezza.

Rappresentanti di classe
All’inizio di ogni anno scolastico, i genitori devono eleggere un rappresentante, quale membro del Consiglio di Interclasse, organo collegiale scolastico che si riunisce quattro volte all’ anno, allo scopo di informare i genitori sull’ andamento didattico, sulle iniziative educativo-didattiche proposte dalla scuola e su eventuali proposte ed iniziative da parte dei genitori per un migliore funzionamento dei servizi scolastici. Si ricorda che tale Organo Collegiale è molto importante ed obbligatorio; si chiede pertanto cortesemente di organizzare per tempo l’elezione del rappresentante di classe, prendendo accordi tra genitori. Tale ruolo può essere svolto a turno dai genitori durante gli anni scolastici riguardanti ciascuna classe. Un momento particolare risulta essere anche la giornata fissata per eleggere il rappresentante di classe, per la quale si chiede la collaborazione dei genitori per poter istituire il seggio; servono 2 scrutatori e un presidente, per tale giornata ringraziamo in anticipo chi si renderà disponibile a rimanere a scuola per 2 ore.

Collaborazione
Si invitano i genitori a controllare i quaderni e il diario dei bambini ed a firmare con sollecitudine le eventuali comunicazioni. Qualora ci fossero dubbi o richieste, si consiglia di rivolgersi al più presto agli insegnanti i quali si renderanno disponibili per ogni chiarimento.

I compiti a casa
Costituiscono un esercizio per lo sviluppo delle abilità ed il consolidamento delle conoscenze, oltre che  una verifica in autonomia degli apprendimenti. Sono assegnati in modo da essere svolti nel tempo libero da impegni scolastici. Nel caso in cui gli alunni dovessero manifestare difficoltà nello svolgerli, è consigliabile affiancare e sollecitare il bambino a fare ciò che è capace aiutandolo a riflettere, ma senza sostituirsi a lui. Il bambino dovrà informare l’insegnante delle difficoltà incontrate, in modo che l’argomento possa essere ripreso e aiutarlo così a superare o a chiarire eventuali dubbi. Si invitano le famiglie a stimolare la conversazione con i propri figli in merito alle attività ed ai lavori svolti in classe o da svolgere a casa. Tutto questo allo scopo di
instaurare e mantenere un dialogo autentico e interessato tra genitori e figli, i quali spesso trascorrono buona parte della propria vita quotidiana al di fuori della famiglia. Le attività scolastiche  potrebbero diventare patrimonio comune ed occasione di scambio. Qualora i compiti non siano stati svolti per motivi personali, occorre che i genitori lo comunichino per iscritto agli insegnanti.

Assenze e malattia
Nel caso in cui l’alunno si assenti da scuola per malattia non è più necessario, anche dopo 6 giorni, presentare il certificato medico. Durante il periodo di assenza si consiglia alle famiglie di prendere contatto con i compagni di classe e gli insegnanti per il ritiro dei materiali e/o dei quaderni per il recupero del lavoro svolto dalla classe. Saranno concessi alcuni giorni per riprendere quanto perso delle attività scolastiche durante la malattia e ricopiare il lavoro svolto dalla classe. In caso di malattie infettive, si prega di darne sollecita comunicazione agli insegnanti, in modo da poter allertare, mantenendo la riservatezza, l’intera comunità scolastica (es. pediculosi, morbillo, ecc..).
Nel caso in cui l’assenza sia dovuta ad una programmata vacanza o partenza per un determinato periodo della famiglia, si chiede di darne comunicazione per tempo agli insegnanti.



 
Pagina aggiornata il 22-09-2016