Comune di Ferrara

Istituto Comprensivo Corrado Govoni

Istituto

Via Fortezza, 20 - 44121 Ferrara
0532 770444
FEIC81100X@istruzione.it

Scuola

Scuola Secondaria di I grado T. Tasso

Due passi nel mondo cinese

























Giovedì 8 novembre le classi 3A e 3B della scuola Tasso hanno ospitato Tommaso Rossi e Veronica Liverani, docenti del Liceo Carducci di Ferrara. Non è stato semplicemente un appuntamento legato all’ “orientamento” - un’attività che dovrebbe aiutare gli studenti e le studentesse a capire quale scuola superiore sia la più indicata per loro. C’è stato anche questo, nella parte iniziale dell’incontro – ed è stata la professoressa Liverani (vicepreside del liceo) a illustrare i diversi indirizzi e le diverse possibilità che apre la scuola. L’orientamento è un passaggio molto importante per i ragazzi - le scuole superiori sono numerose e non è sufficiente semplicemente leggere l’elenco per fare una scelta. Sono ormai diversi anni che le scuole medie hanno compreso la rilevanza di queste attività alle quali si cerca di dedicare uno spazio adeguato.
 
Nella seconda parte gli studenti hanno potuto approfondire un preciso ramo linguistico e culturale del liceo: quello cinese.
Lingua cinese è infatti la materia di Tommaso Rossi: dall’alto delle sue competenze ha potuto esplorare insieme ai ragazzi la scrittura cinese - facendo in sostanza giocare gli studenti con i diversi caratteri cinesi, ma al contempo ha fornito nozioni precise (scritture alfabetiche e non alfabetiche, differenza tra pittogrammi e ideogrammi, lingua ‘conveniente’, che cos’è una cultura ecc.).  
Ma in una conversazione di due ore ha fatto ben altro: ha dato cenni di storia sull’impero cinese e sull’età presente, ha citato un paio di volte Mao, ha fatto dei riferimenti (obbligati) al quadro economico mondiale eccetera.
L’incontro è stato importante per almeno due motivi: innanzitutto perché ha fuso orientamento e lezione specifica su un argomento; in secondo luogo perché abbiamo spostato l’attenzione completamente al di fuori dell’Italia e dell’Europa.
Abbiamo parlato solo di Cina per due ore: impero cinese, dinastie, muraglia, carte geografiche dell’Asia, guerre dell’oppio ecc. Per due ore abbiamo fatto con un paese straniero quello che si fa tutto l’anno con l’Italia: studiare a fondo la storia e la cultura dell’Italia è una cosa necessaria, s’intende. Ma anche uscire dai confini nostrani e provare ad approfondire altre linee può essere un ottimo esercizio.
E avere una guida d’eccezione è naturalmente un grande vantaggio.
Pagina aggiornata il 13-11-2018